ipack ima Blog Deles Consulting
img
 

Il Giornale - Dossier Milano 2011 Indietro

Una proposta logistica completa e innovativa che, partendo dalla costruzione di scatole, arriva alla gestione dell’intero processo di imballaggio. Il tutto con un occhio di riguardo all’impatto ambientale. La descrive Stefano Scaroni.

L’inscatolamento è il passaggio che sta fra la fase di produzione e quella di trasporto e che molto spesso viene trascurato, nonostante sia un passaggio fondamentale della vita del prodotto. «In molte aziende – spiega Stefano Scaroni, amministratore delegato di Deles – è un po’ come quando eravamo bambini: chi non sapeva giocare a pallone veniva messo in porta; allo stesso modo, il personale che non ha particolari mansioni viene destinato a chiudere le scatole». Spesso succede che quando si rompe un prodotto la colpa venga attribuita all’imballo, ma magari la causa è l’operatore che ha montato male un tassello all’interno della scatola o ha effettuato l’imballaggio in maniera impropria.
«È stata proprio la volontà di costituire una catena che curasse tutte la fasi dell’inscatolamento a ispirarci nell’ideare e nel costituire quello che è oggi il gruppo Deles», spiega Scaroni. «La nostra azienda infatti oggi si occupa dell’intera “filiera dell’imballaggio”. Abbiamo mantenuto l’attività per cui la struttura è nata ormai cinquant’anni fa, cioè costruire scatole. Dal 1997 però, abbiamo ampliato il nostro raggio d’azione e da semplice scatolificio siamo passati a offrire una proposta completa e integrata». È nato così DelesLab, che dal 2003 si occupa dello studio, della ricerca e della progettazione di nuove soluzioni per l’imballaggio, proponendo prodotti che vengono prototipati, testati, certificati e infine realizzati, il tutto in stretta collaborazione con il committente per soddisfare le esigenze più particolari. «Questa è stata un’interessante novità, poiché nel nostro settore l’attività di ricerca e sviluppo è sempre stata molto statica e ci si è sempre affidati a idee vecchie e già collaudate».
La ristrutturazione aziendale è proseguita all’insegna della diversificazione. «Siamo passati dalla classica proposta di imballaggio, quindi cartone, polietilene espanso e quant’altro – prosegue Scaroni – a idee più complesse nel campo della marcatura e dell’etichettatura. A questo scopo è nata DelesMatic, società a parte che tratta questo tipo di soluzioni».
Il quadro è completato dal ILC, la divisione che si occupa della logistica che, come sottolinea Scaroni, «rispetto all’attività svolta dai più noti ed esperti operatori del settore, si focalizza su un servizio specifico, ovvero perfezionare l’attività di confezionamento facendo in modo che gli imballi da noi progettati e realizzati funzionino in maniera ottimale. La specificità del nostro servizio spesso funge da collegamento tra il committente e l’operatore logistico, con cui si instaura un rapporto di collaborazione e partnership. Si ritorna così alla considerazione iniziale, quella che metteva in evidenza la scarsa attenzione che viene generalmente prestata alla fase di imballaggio. «Per essere sicuri che tutto si svolga nel migliore dei modi, abbiamo cominciato a occuparci anche del processo di confezionamento e spesso le aziende esternalizzano questa attività affidandola direttamente a noi, che mandiamo i nostri tecnici a “chiudere le scatole a domicilio” ».
Inoltre, in un momento in cui il dibattito sul risparmio di risorse e materie prime è molto attuale, la Deles ha intensificato gli sforzi su questo fronte, identificando l’ottimizzazione dei materiali come un’esigenza prioritaria sin dalla fase di progettazione. «Nel settore degli imballaggi l’eccesso è diventata una pericolosa consuetudine. È un po’ come se per proteggerci dal freddo, invece di usare un solo cappotto caldo e ben isolante, ne indossassimo due: sarebbe sostanzialmente inutile ed esagerato». Questa sproporzione nell’attività di confezionamento si traduce in uno spreco di materiali, di costi e di risorse che al giorno d’oggi non ci possiamo permettere. «Invece che sul sovradimensionamento puntiamo sull’ottimizzazione dei materiali e su un design intelligente. I nostri sforzi progettuali sono volti alla realizzazione di materiali con densità più basse, quindi anche di minor peso, ma con rese maggiori». I risultati di questo processo di costante miglioramento sono evidenti: confezioni in materiali espansi sempre più sottili, che misurano anche solo una decina di millimetri di spessore, hanno una capacità di assorbimento che fino ad alcuni anni fa era garantita solo da prodotti ben più ingombranti e pesanti. La filosofia di fondo consiste nello studiare un imballo in grado di proteggere l’oggetto che contiene utilizzando la quantità di materiale sufficiente a ottenere questo risultato, non un grammo in più. Il tutto con un enorme beneficio per l’ambiente, grazie al risparmio delle risorse energetiche e delle materie prime necessarie per la produzione e lo smaltimento di imballaggi ingombranti e superflui.

Il Giornale - Dossier Lombardia 2011 - Francesco Bevilacqua

Scarica documento allegato

 
 

DELES offre ai suoi clienti

Il Gruppo DELES offre ai suoi Clienti soluzioni di imballo innovative attraverso una gamma di prodotti che permettono di minimizzare ...

Leggi

DELES Matic

Scopri l'ampia gamma di applicazioni e soluzioni della divisione DELES Matic per la codifica, la marcatura, l'etichettatura e il fine-linea ...

Leggi

SERVIZI INTEGRATI

Il Gruppo DELES integra la gamma di prodotti e soluzioni d'imballo con servizi in outsourcing ...

Leggi